Si no va ser ahora, pues, ¿cuando?

Sono appena tornato dalla versione madrileña della manifestazione per l’orgoglio e i diritti dell’universo femminile, Se non ora quando?, organizzata e pubblicizzata dal PopoloViola Madrid, da Sinistra e Libertà Spagna, dal PD Spagna e dalla neonata Anpi Spagna [1. Sei di centro-destra? Ti sei indignato leggendo questo? Non temere! Ho rettificato! leggi in fondo al post] , di cui scriverò più in avanti. La manifestazione, non autorizzata però nemmeno ostacolata dalla fosforescente polizia di Madrid, ha visto un piccolo flash mob in Piazza Sol ed un corteo che, passando dal teatro dell’Opera, si è soffermata in Piazza Mayor, cuore pulsante di questa oggi piovosa città.

Si era in circa 250 persone, allegre e rumorose, e non pochi sono stati i segnali di appoggio da parte degli autoctoni. Solo una cosa, che mi ha fatto molto pensare: molte donne portavano e utilizzavano pentole e coperchi a mo’ di tamburi. Ora, giusto per essere un minimo critici in una manifestazione che mi è piaciuta molto, non vi sembra che una donna che manifesti per la sua dignità ed i suoi diritti debba evitare di cadere in facili cliche del tipo: “Ho preso la prima cosa che ho trovato in casa, una pentola”. Non voglio continuare la frase/battuta perchè sarebbe molto maschilista e non lo sono.
In ogni caso tutto molto bello: tra la folla ho intravisto persone di ogni età, professoresse della scuola italiana, studenti erasmus, anziani signori e anche un paio di militari in borghese. Ma nessuna bandiera di partito, come è giusto che sia.
La pentola, anche grazie ai coperchi degli astanti, sembra esseresi scoperchiata. Vi lascio con questo paio di video.

Aggiornamento del 14/2: dopo ripetuti commenti e inviti a rettificare da parte di liberi cittadini di centro-destra correggo quello che ho detto. La manifestazione è stata organizzata da liberi cittadini che hanno voluto dare un taglio apolitico a tutto il movimento. Che poi QUALCUNO di questi liberi cittadini appartenga al PD giovani Spagna, a Sinistra e Libertà Spagna, al Popolo Viola Madrid e che nel corteo si sia cantato Bella Ciao, beh, questo è ininfluente. Mi si è fatto anche notare la mia spilla, gadget che porto addosso da 2 anni e non certo per la manifestazione di ieri. A volte si perde il limite tra libertà di espressione e correttezza informativa. In ogni caso, tutta questa attenzione mi onora.

Newsletter, una mail ogni tanto, giuro.

Vuoi ricevere aggiornamenti come "Si no va ser ahora, pues, ¿cuando?" direttamente nella tua casella email? Iscriviti alla mia newsletter!

Commenta questo post

  • Facebook(0)
  • Google Plus(0)
  • Disqus(0)