Si no va ser ahora, pues, ¿cuando?

Sono appena tornato dalla versione madrileña della manifestazione per l’orgoglio e i diritti dell’universo femminile, Se non ora quando?, organizzata e pubblicizzata dal PopoloViola Madrid, da Sinistra e Libertà Spagna, dal PD Spagna e dalla neonata Anpi Spagna [1. Sei di centro-destra? Ti sei indignato leggendo questo? Non temere! Ho rettificato! leggi in fondo al post] , di cui scriverò più in avanti. La manifestazione, non autorizzata però nemmeno ostacolata dalla fosforescente polizia di Madrid, ha visto un piccolo flash mob in Piazza Sol ed un corteo che, passando dal teatro dell’Opera, si è soffermata in Piazza Mayor, cuore pulsante di questa oggi piovosa città.

Si era in circa 250 persone, allegre e rumorose, e non pochi sono stati i segnali di appoggio da parte degli autoctoni. Solo una cosa, che mi ha fatto molto pensare: molte donne portavano e utilizzavano pentole e coperchi a mo’ di tamburi. Ora, giusto per essere un minimo critici in una manifestazione che mi è piaciuta molto, non vi sembra che una donna che manifesti per la sua dignità ed i suoi diritti debba evitare di cadere in facili cliche del tipo: “Ho preso la prima cosa che ho trovato in casa, una pentola”. Non voglio continuare la frase/battuta perchè sarebbe molto maschilista e non lo sono.
In ogni caso tutto molto bello: tra la folla ho intravisto persone di ogni età, professoresse della scuola italiana, studenti erasmus, anziani signori e anche un paio di militari in borghese. Ma nessuna bandiera di partito, come è giusto che sia.
La pentola, anche grazie ai coperchi degli astanti, sembra esseresi scoperchiata. Vi lascio con questo paio di video.

Aggiornamento del 14/2: dopo ripetuti commenti e inviti a rettificare da parte di liberi cittadini di centro-destra correggo quello che ho detto. La manifestazione è stata organizzata da liberi cittadini che hanno voluto dare un taglio apolitico a tutto il movimento. Che poi QUALCUNO di questi liberi cittadini appartenga al PD giovani Spagna, a Sinistra e Libertà Spagna, al Popolo Viola Madrid e che nel corteo si sia cantato Bella Ciao, beh, questo è ininfluente. Mi si è fatto anche notare la mia spilla, gadget che porto addosso da 2 anni e non certo per la manifestazione di ieri. A volte si perde il limite tra libertà di espressione e correttezza informativa. In ogni caso, tutta questa attenzione mi onora.

Newsletter, una mail ogni tanto, giuro.

Vuoi ricevere aggiornamenti come "Si no va ser ahora, pues, ¿cuando?" direttamente nella tua casella email? Iscriviti alla mia newsletter!

Commenta questo post

40 thoughts on “Si no va ser ahora, pues, ¿cuando?

  • Ho letto l’articolo e ho avuto la spiacevole sensazione che si volesse strumentalizzare la bellissima manifestazione di oggi.
    È stato deciso unanimemente dal principio che il flashmob-manifestazione sarebbe stato un evento APOLITICO.
    Io ho partecipato all’organizzazione, sono di destra e tra le persone presenti venerdì scorso al meeting per l’organizzazione dell’evento non c’erano presenti solo persone che facevano parte de “PopoloViola Madrid, da Sinistra e Libertà Spagna, dal PD Spagna e dalla neonata Anpi Spagna” (la verità è che tra i presenti nessuno si è presentato a me come facente parte a nessuno di questi gruppi, casualmente tutti di sinistra).
    Ti prego quindi di togliere il prima possibile dal tuo articolo questo crasso errore, spero non volontario ed’evitare percui la strumentalizzazione di questo grande successo DI TUTTI.
    Grazie,

    Gianluigi M. Pieri

    • Ciao Gianluigi,
      hai fatto bene a portare il tuo pensiero nei commenti del blog, che sono il posto più adatto per creare discussione. Prima di tutto voglio farti notare che questo è un blog e non un giornale, che questo è un post e non un articolo, come affermi nella prima riga. Quindi è un diario, è un quaderno personale ed egocentrico della mia vita.

      Io, come già ho spiegato in facebook, non ho partecipato all’organizzazione e ho scritto alla mia maniera quello che so. Non frequento gente di destra, o almeno che abbiano tanta fretta per dichiararlo, e quindi nessuna persona di destra mi ha potuto informare dell’evento. Guarda caso ho letto dell’evento sui vari muri dell’Anpi (che non è una organizzazione di sinistra come affermi, non è apolitica ma non è di sinistra), del pd Spagna, del popolo viola Madrid e del Sel Spagna.
      Sono arrivato in piazza, come molte delle persone che non hanno potuto partecipare ai meeting di organizzazione dell’evento, grazie ai messaggi delle organizzazioni che ho citato nel post. Non voglio essere polemico ma ti ripeto un’altra volta che questo è il mio blog e scrivo quello che vedo con i MIEI occhi.

      Non ho un direttore editoriale in questo blog o la pensa perfettamente come me. In altri ambienti ci sarà spazio, anche da parte mia, per il giornalismo puro, ma questo non è un giornale, non devo rispettare le limitazioni sull’editoria (che non vengono in ogni caso mai rispettate da nessuno) e rispondo solo alla mia etica e coscienza. In questo caso non ho fatto nient’altro che scrivere quello che IO penso in quanto da ME visto. Il tuo commento ha già dato ai fatti una luce migliore, e ti ringrazio.

      TI faccio notare in ogni caso che più in basso ho scritto anche “a nessuna bandiera di partito, come è giusto che sia.” ed è google il mio testimone, c’era dall’inizio.Il fatto che l’anima dell’evento sia stata apolitica non vuoldire che dietro ci siano state entità che abbiano contribuito ad organizzarlo e, visto che non posso scrivere i nomi dei singoli organizzatori, che nemmeno conosco, ho scritto le sigle.

      Se vuoi sarei contentissimo di poter scrivere un nuovo post con tutti i nomi e cognomi degli organizzatori, senza nessuna sigla politica, dietro loro richiesta.
      Altra opzione sarebbe far venire su questa pagina anche gli altri organizzatori e così avviare una discussione produttiva. Perchè francamente della piazza io mi fido e in piazza c’eri te come c’erano altre persone, come c’ero io. Mi è parso addirittura di sentir cantare “O bella ciao”, ma sicuro è da contestualizzare.
      Comunque complimenti per l’organizzazione dell’evento, è stato, come ho detto varie volte nel post, veramente un bel momento di aggregazione canalizzata.
      Buona serata
      L

  • Può essere che la signora che abbia preso la pentola abbia confuso la manifestazione di ieri con quella di oggi.:-D Ad ogni modo condivido la tua idea,ma forse le pentole sono gli oggetti che fanno più rumore e ne abbiamo in sovrabbondanza. In ogni caso,anche se non c’erano bandiere,la manifestazione era promossa da alcuni partiti quindi ben lungi dall’essere apartitica.

  • Ti corrego Patrizia e lo faccio come parte dell’organizzazione: la manifestazione è stata organizzata da liberi cittadini, che poi alcuni, e ci tengo a sottolineare alcuni, di questi facessero parte di movimenti politici è un’altra cosa, ma abbiamo deciso che ci saremo presentati come cittadini…di fatto poi venerdì durante il meeting c’erano anche diversi ragazzi/e spagnoli/e che hanno partecipato con le loro idee.
    Come liberi cittadini abbiano deciso tutti che la manifestazione di Madrid tenutasi oggi pomeriggio sarebbe stata apolitica, senza ne bandiere ne simboli di partito e che ogniuno avrebbe potuto scrivere il suo slogan personale rispettando questa regola.
    Quindi c’è un evidente e grave errore nell’articolo (sottolineato dal fatto che in tutto l’articolo l’unica cosa evidenziata in nero sono i nomi dei movimenti politici come organizzatori) e siccome è fondamentale anche per le future iniziative che si tenga questa unità garantita dall’apoliticità, ho il dovere di commentare questo errore affinchè venga rettificato.

    • Non so come sia andata nel caso di Madrid visto che non c’ero ma qui ti posso assicurare che non era apartitica.Poi io sulle manifestazioni ho sempre qualche dubbio e scetticismo circa il loro effetto ed infatti non ho partecipato a questa manifestazione perché non la condividevo e continuo a non condividerla.Ma questo è un mio parere.:-D

  • Ciao Lucio,
    anche io sono di DESTRA, oggi ho guidato il corteo da Puerta del Sol, Opera, Calle Mayot, Plaza Mayor fino a ritornare a Puerta del Sol.
    Mi spiace ma non sei bene informato (forse leggi, solo blog, giornali di parte), ma questa manifestazione era promossa anche sul blog di ITALIANI A MADRID (il post era mio), che tra l’altro e’ assolutamente APOLITICO, era promosso anche dal mio gruppo facebook NE ROSSI NE NERI MA LIBERI PENSIERI. Quindi ti invito a togliere immediatamente dal blog che e’ una manifestazione organizzata da PD ..y bla bla bla..! E’ una manifestazione organizzata dal POPOLO ITALIANO, da NOI GIOVANI, che siamo assolutamente contrari al questo MODELLO DI POLITICA ITALIANA!!!
    Inoltre oggi alla manifestazione ho cercato di bloccare sul nascere piu’ di una volta BELLA CIAO, perche’ appunto e’ una manifestazione apolitica e senza colori.
    Mi dispiace anche che tu eri in piazza con la Spilla Vendola Presidente, MA NON RIUSCIAMO UNA VOLTA A ORGANIZZARE UNA MANFIESTAZIONE SENZA COLORI POLITICI?

    Oggi eri l’unico diciam schierato, perche’ con tutta la gente che ho parlato, nessuno mi ha detto che faceva parte di nessuna associazione.

    Cosi’ ti invito a dire le cose come stanno.

    MANIFESTAZIONE ORGANIZZATA DAL POPOLI ITALIANO RESIDENTE A MADRID!

    Ciao Andrea

    • Vorrei far presente che una cosa è parlare di apoliticità e una cosa è parlare di apartiticità. Che, non essendo iscritto (io) a nessun partito, sindacato, associazione politica, non mi si può rimproverare una mia faziosità strumentale solo per portare una spilla di Nichi Vendola, cosa che porto da due anni avendo partecipato attivamente nella comunicazione della campagna locale del mio paesino sperso nelle campagne. Dovrebbe anche essere il mio lavoro, da tecnico, sapete.

      Vorrei far notare che NESSUNO può dire frasi come “Oggi eri l’unico diciam schierato, perche’ con tutta la gente che ho parlato, nessuno mi ha detto che faceva parte di nessuna associazione.” o “Quindi ti invito a togliere immediatamente dal blog che e’ una manifestazione organizzata da PD ..y bla bla bla..! ” essendo questo, e mi dispiace ripeterlo, un blog, un mio punto di vista, una mia finestra egocentrica sulla mia esistenza.

      Tutte queste affermazioni mi ricordano molto l’arroganza di altri tempi, che per fortuna ho letto solo sui libri di storia. Se la gente ha voluto cantare Bella Ciao fa assolutamente ridere che si sia cercato di bloccare il coro come fa assolutamente ridere che mi si rimproverri di avere delle idee. Non ero là con vistose bandiere, non facevo propaganda poltiica: ero là con la mia persona e il mio bagaglio di convinzioni.

      Mi fa sorridere invece la destra alternativa a Berlusconi che solo ora si rende conto del potenziale delle piazze e che vuole a tutti i costi dimostrare la distanza dal caro Premier anche con questi gesti: questa è manipolazione, e non fate finta di nasconderlo.

      Se leggete il post non ho mai scritto che sono di sinistra e francamente non è un tema che mi appassiona, se leggete i vostri commenti invece avete insisito nel rimarcare in MAIUSCOLO la parola DESTRA come se steste difendendo un’identità, la vostra. Accettate allora il contrario. Non credo nemmeno alle frasi “manifestazione del popolo italiano” perchè qualsiasi manifestazione ha di per se un tratto politico (non partitico). Quel “popolo italiano” (non mi piace l’accezione utilizzata per questa parola in questa pagina) non si trovava lì per caso, de turisteo: era stata invitata a partecipare grazie all’impegno di tutti (non il mio, non voglio certo prendermi meriti) ma questi tutti dovrebbero evitare di parlare poi in nome del popolo lì presente, se veramente difendono l’indipendenza della manifestazione.

  • Ciao Lucio,
    il mio non è un pensiero ma è una critica a una falsa informazione riportata su di un articolo che indipendentemente da dove si pubblichi e dalla sua finalità, è soprattutto una testimonianza di un’avvenimento.
    In questo caso essendo stato postato pubblicamente permette a chi non sia stato presente ad’informarsi e quindi farsi un’opinione.

    La mia non è una critica sulla tua testimonianza diretta perchè, apparte il fatto che ho provato le tue stesse impressioni, non ha nessun senso come dici tu valutare un pensiero personale riportato su di un diario-blog.
    La mia è una critica su di un’affermazione falsa, tra l’altro evidenziata:

    “…Se non ora quando?, organizzata e pubblicizzata dal PopoloViola Madrid, da Sinistra e Libertà Spagna, dal PD Spagna e dalla neonata Anpi Spagna, di cui scriverò…”

    Infatti da questa frase si evince che l’evento di oggi sia stato promosso e organizzato SOLO dalle organizzazioni riportate, quindi una persona non informata che legge l’articolo si fa, certamente, un’idea sbagliata sulla NOSTRA manifestazione.

    Il fatto che ti abbiano invitato solo da questi gruppi non significa che questi siano gli unici organizzatori dell’evento (come effettivamente non sono, “gli unici”)…se poi sul tuo blog personale vuoi in qualche modo ringraziarli per l’invito potresti semplicemente scrivere “l’evento è stato ANCHE organizzato da…”, senza in questo caso scrivere delle informazioni sbagliate, che di fatto infrangono il principio base della manifestazione di Madrid che è l’apoliticità, come deciso da tutti noi partecipanti ed’organizzatori.

    L’argomento mi tocca particolarme perchè mette a rischio le nostre future attività, stiamo tutti insieme lavorando per raggiungere i vari obbiettivi in comune, mettendo da parte le varie ideologie politiche e i vari partiti.

    Ti ringrazio per la tua proposta ma non penso ci sia bisogno di scrivere i nomi di tutti perchè, parlo a nome mio ma credo che anche gli altri siano d’accordo, preferisco che quando ci si riferisca a noi, si parli semplicemente di Liberi Cittadini.
    L’agglomerazione in movimenti rende più facile la comunicazione di una sempre più folta comunità che lotta insieme le stesse battaglie, anche io faccio parte di un gruppo “Ne rossi, ne neri ma liberi pensieri” ma come ti dicevo più che altro mi facilita la comunicazione che sarebbe più complicata muovendomi solo.
    Se riusciamo a tenere le distanze dai partiti, saremo più efficaci perchè uniti.
    Ripongo molta fiducia in questo gruppo neonato di Liberi Cittadini, oggi siamo riusciti a raggiungere uno degli obbiettivi principali, quello di dimostrare fuori dall’Italia che reagiamo, che abbiamo dei principi democratici e che siamo pronti a difenderli: SIAMO RIUSCITI AD’AVERE UNO SPAZIO SUI TELEGIORNALI NAZIONALI SPAGNOLI.

    È una vittoria di tutti, partecipanti e organizzatori, mia, tua e dei nostri compagni.
    Il fatto che tu abbia riportato il positivo evento di oggi rende più grande questa vittoria, grazie!

    Ci vediamo alla prossima manifestazione o al prossimo meeting, sicuramente continueremo la nostra relazione scrivendo su questo blog, su facebook e dove sentiremo il bisogno di dare le nostre opinioni, che se coincideranno bene, se contrasteranno meglio, perchè le renderemo più accurate e aiuteremo chi le legge a farsi un’idea più chiara grazie ai differenti punti di vista.
    Buona notte e a presto!

    Gigi

    PS: Hai ragione sull’ANPI, mi scuso se erroneamente l’ho definido come un movimento e di sinistra.

  • MI fa sorridere, al di là delle persone e dei fatti, una volta preso atto della mia rettifica su questo blog al quale da ieri è stata riconosciuta una grande credibilità giornalistica, che i partecipanti di centro-destra si siano lanciati a difendere l’apoliticità della manifestazione dichiarando, prima di tutto, di essere di destra. Questa destra che riprende e pretende in modo produttivo la piazza mi piace, vuoldire che forse qualcosa si sta veramente muovendo.

  • Ciao Lucio

    mi chiamo Luigi Ingrosso, Leccese residente a Barcellona da 18 anni

    Sono il coordinatore del PD a Barcellona

    Vorrei una tua email o numero di telefono

    Grazie e cordiali saluti

  • Che vi fossero anche siglie di partiti alla manifestazione di Madrid che male c’è…Bene o male non riusciamo a toglierci la casacca che ci siamo data. Una cosa è certa: la manifestazione di ieri, ripetuta in tutto il mondo, è stata un’iniziativa trasversale di donne e uomini che difendono una dignità civile lungi da ogni moralismo.
    Io credo che, aldilá delle convinzioni politiche, chi ha ancora dei principi da difendere non possa tirarsi indietro: è in gioco la dignità del governo e delle istituzioni, ma soprattutto degli italiani.

  • Come spesso accade in Italia, ci si sta concentrando su questioni di lana caprina. Che l’autore del post portasse una spilla di Nichi Vendola, dei Sex Pistols o dell’orgoglio gay sono, semplicemente ed esclusivamente, fatti suoi. In piazza nessuna bandiera di partito, questo è ciò che conta. E’ legittimo che un lettore chieda una rettifica così come è segno di onestà intellettuale che l’autore la inserisca. Trattandosi di un blog personale non possiamo esigere il rigore informativo di una testata giornalistica; in ogni caso l’autore ha provveduto a integrare l’informazione.
    Una piccola digressione politica. Vorrei ricordare che la destra italiana è fedele alleata di Berlusconi da oltre 15 anni. Sarebbe, quindi, un esercizio di coerenza e onestà assumersi la co-responsabilità del declino in atto in Italia senza sparare solo su Berlusconi. Cambiare di opinione e ravvedersi, come ha fatto misteriosamente Fini, è cosa buona e giusta; ma non bisogna dimenticare o sottovalutare le proprie responsabilità.
    Un saluto, rigorosamente apolitico, a tutti.

    • Ciao OcchioPidocchio, non è una questione di lana caprina dire che l’esitosa manifestazione non sia stata organizzata solo dai movimenti sopraindicati nell’articolo,
      è come se in un’autobiografia degli anni ’50 di un soldato statunitense (perchè i blog personali all’epoca non esistevano), ci fosse scritto che il regime fascista sia stato distrutto solo dalle truppe alleate, capisci che io come partigiano richiedo una rettifica? Per di più non chiedo che venga riportato il mio nome e quello dei mei compagni, ma che ci sia scritto che il regime fascista sia caduto grazie alle varie forze antifasciste…mi risoffermo sul punto perchè l’articolo non è stato rettificato, la frase rimane scritta li e sempre ben evidenziata in nero, per tutte le persone che non partecipano alla discussione e che continuano a ricevere una falsa informazione, una mancanza grande nei confronti degli altri gruppi o dei singoli altri organizzatori.

      Per quanto riguarda il discorso su Berlusconi, Fini e la destra in generale hai pienamente ragione, non mi piace per niente l’atteggiamento che queste persone hanno, la mancanza di coerenza e soprattutto la strumentalizzazione del termine “destra” per far leva sul sentimento di gruppo, infatti a me sembra che nessuno di loro stia rispettando quelli che sono i valori principali della destra: Dio, Patria, Famiglia …anzi, sono i più acerrimi nemici di questi valori, come tutti noi possiamo constatare.

      Io personalmente ho votato una volta sola, non ricordo adesso se nel 2005 o 2006 ed’ho votato “la rosa nel pugno” di cui potete dire tutto quello che volete perchè non mi rappresenta, l’ho fatto per due motivi:

      – Il primo è che la destra nel suo congiunto, grazie a questo antidemocratico sistema bipolare italiano (…e purtroppo non solo italiano), non mi rappresenta come elettore e anzi, mi fa paura perchè al suo interno sono presenti partiti piccoli e grandi che a mio parere sono pericolosi per il paese; oltre alla grande quantità di mafiosi, corrotti e fascistelli che contano su quella estrema destra ignorante da stadio…per me i veri fascisti sono quelli che presero le distanze prima con l’assasinio di Matteotti e poi con le odiose leggi raziali e l’intromissione nel fascismo degl’ideali nazionalsocialisti.
      – Il secondo motivo per cui ho votato lo schieramento di sinistra è stata una mia ingenua idea di far perdere il blocco di destra causando quindi un cambiamento, una rivoluzione grande al suo interno…ma questo non è avvenuto per innumerevoli motivi, in primis l’immaturità della maggioranza dell’elettorato che non sa farsi sentire e che prende per oro colato tutto ciò che le viene detto…questo è valido sia per quello di destra che per quello di sinistra.

      Io, Gigi, ci tengo tantissimo che questo vi sia chiaro quando parlate con me, di fronte molte volte troverete una porta aperta.
      Intendo lottare con tutti voi che per me siete concittadini e fratelli…ragazzi di questi tempi bisogna unirsi fondamentalmente per poter cambiare il sistema bipolare, arrivando poi all’obbiettivo comune che è quello di poter un giorno andare a votare orgogliosi e senza tapparsi il naso, perchè per un motivo o per l’altro lo facciamo tutti e chi non lo fa è perchè manca di spirito critico.
      Un saluto,

      Gigi Pieri

  • Lucio: quando citi cita bene si tratta di Sinistra Ecologia e Libertá – Madrid.
    E forse andava citato anche il blog A Madrid si muove un’altra Italia vero motore di diffusione dell’iniziativa per la comunitá italiana a Madrid ed in Italia ed in quella spagnola.

    A breve una risposta riflessione sul blog amadridsimuoveunaltraitalia.wordpress.com

    • Elisabeth capisci quindi cosa intendo dire?
      Forse mi sono espresso male o semplicemente sono stato troppo ingenuo a scrivere che sono di destra e questo ha messo il paraocchi a chi legge i miei commenti visto che il tuo è stato colto al volo…e non è stato fanno nessun cenno al carattere personale del blog.
      Ho colto l’occasione di questo chiaro esempio per cercare di far capire il mio punto e non dover stendere altre mille righe che poi non verranno nemmeno lette…
      Leggerò l’articolo e lo commenterò in quanto venga riportato sul blog.
      Un saluto a tutti e due,

      Gigi

    • Ciao Elisabet, come dice giustamente Gigi, penso che sei l’unica che abbia capito cosa vogliam dire io e Gigi, perche citare solo una parte di chi ha promosso la manifestazione?

      Perche’ tanta ostilita’ nel mettere tutti coloro che hanno partecipato?

      Ok metti i vari partiti associazioni e chi vuoi Lucio, pero’ non dimenticare che anche il gruppo NE ROSSI NE NERI MA LIBERI PENSIERI ha promosso e tanto l’evento!

      Soprattutto ringrazierei anche il Popolo Italiano o Liberi Cittadini, non mi importa la dicitura, ma soltanto ringraziare coloro che hanno partecipato alla manifestazione.

      Poi se tu vuoi analizzare il perche della dicitura Popolo Italiano, sbagli…perche’ e’ qualcosa che ho scritto cosi spontaneamente.

      Altra cosa che mi fa ridere, critici tanto Berlusconi, ma il blog e’ tuo e scrivi quello che vuoi tu ok (falsa informazione)… allora non puoi criticare Berlusconi con TG5, Studio APerto & TG4 … perche’ secondo il tuo concetto… le televisioni son sue e quindi fa quello che vuole lui…

      pensa bene..stai diventanto come Silvio..a quando il bunga bunga ? 😀 😀

      scherzo..dai 😀 !

      • in ogni caso la mia rettifica è presenta dal 14 mattina e dice una cosa netta: ad organizzare l’evento e a parteciparvi sono stati liberi cittadini, ognuno con le proprie convinzioni. Non sapendo veramente come stanno le cose, o sapendolo parzialmente, e non volendo far restare male nessuno, generalizzo e scrivo quello che ho scritto. Liberi cittadini. Per me il caso era chiuso dal 14 febbraio, alle 8:10 di mattina. Non mi pare nemmeno di aver censurato nessun commento nè di aver insultato nessuno. Non si capisce o non si accetta il mio tono di scrivere nel mio blog, succede. Me lo diceva anche il mio professore di italiano al Liceo: sei un pìgghianculo mi diceva. Ma una cosa è il tono umoristico, una cosa è un altro tipo di tono. Cmq amici come prima, magari personalmente farò le mie scelte, ma un caffè non si nega a nessuno. Bello, nero.

  • Come può una manifestazione organizzata per chiedere le dimissioni del Presidente del Consiglio essere APOLITICA? Può essere apartitica in quanto i partecipanti provengono da quasi tutte le parti politiche e sono d’accordo nel non ostentare la propria appartenenza. Ma apolitica proprio no.
    Sono questi nuovi fascistelli che hanno bisogno di mettere in mostra il fatto che LORO si dissociano. Ci tengono a farlo sapere ora che hanno abbandonato la nave che affonda. Per quanto possa essere grave la responsabilità e la complicità delle opposizioni, siete voi di DESTRA che lo avete messo lì e difeso fino a due mesi fa.
    Mi fate schifo. Voi e Fini o chi vi rappresenta.

    • Andrea vorrei rispondere a tutte le critiche che mi vengono fatte, ma questo tuo insulto gratuito ti mette in una posizione troppo bassa per poterti rispondere.
      Hai ragione, ho usato e stiamo utilizzando tutti un termine inadeguato ma visto che cerchiamo di capirci non ci siamo soffermati sul termine, io per ignoranza e altri che se saranno resi conto hanno preferito soffermarsi su altri punti.

      Gianluigi M. Pieri

  • ciao ragazzi e ciao Lucio, qui il video che stavo facendo ieri.

  • Anche se organizzata “da sinistra” la manifestazione ha visto la presenza di persone che si dichiarano “apolitiche” od altre “di destra”.

    Prendiamo atto della loro presenza nella Manifestazione e non stiamo a contare quanti erano numericamente. La Manifestazione aveva l’obiettivo di protestare contro la “idea di donna” che ha generato in questi anni il presidente del consiglio e di chiederne le dimissioni.
    Dimissioni non solo per questo, ma per…….le 100 ragioni che tutti conosciamo.

    Qualcuno ha cercato di non far cantare “BELLA CIAO” ma non ci é riuscito, semplicemente perché non esprimeva che se stesso.

    Infine voglio solo ricordare che queste persone “apolitiche” e “di destra” sono quelle che fino a ieri, e per ieri intendo pochi mesi fa, ovvero finché il “caro” Fini non ha avuto “le Palle” finalmente di togliere l’appoggio politico al PDL, hanno consentito QUESTO DEGRADO, governando con la LEGA separatista, quella che vuole l’ ITALIA divisa in 2.

    E dopo che i vostri rappresentanti politici nazionali, e voi stessi, avete sostenuto “questo malgoverno e la figura del BERLUSCA”, appoggiandolo PER ANNI, DIFENDENDOLO AD OLTRANZA, volete presumere e presentarvi come partecipanti, organizzatori o quant’altro?

    Non voglio negare che c’é qualcosa di buono anche a destra, anche se ovviamente non ne condivido l’ideologia, ma mi spiace siete stati complici di questo REGIME, e non vi laverete la coscienza ora partecipando ad una maniofestazione.

    • Ciao Luigi,

      hai pienamente ragione, ti ripeto lo stesso commento che ho fatto a OcchioPidocchio perchè ci tengo a spiegare il mio pensiero, la mia situazione e il perchè della mia presenza alla manifestazione di ieri e certamente alle future che tutti insieme organizzeremo come liberi cittadini, ovviamente sotto nessuna bandiera politica, perchè questa è la chiave dell’esito.

      Berlusconi, Fini e la destra attuale in generale non mi rappresentano, non mi piace l’atteggiamento che queste persone hanno avuto, la mancanza di coerenza e soprattutto la strumentalizzazione del termine “destra” per far leva sul sentimento di appartenenza a un gruppo, infatti a me sembra che nessuno di loro stia rispettando quelli che sono i valori principali della destra: Dio, Patria, Famiglia …anzi, sono i più acerrimi nemici di questi valori, come tutti noi possiamo constatare.

      Io personalmente ho votato una volta sola, non ricordo adesso se nel 2005 o nel 2006 ed’ho votato “la rosa nel pugno” di cui potete dire tutto quello che volete perchè nemmeno loro mi rappresentano, l’ho fatto per due motivi:

      – Il primo è che la destra nel suo congiunto, grazie a questo antidemocratico sistema bipolarista italiano (…e purtroppo non solo italiano), non mi rappresenta come elettore e anzi, mi fa paura perchè al suo interno sono presenti partiti piccoli e grandi che a mio parere sono pericolosi per il paese; oltre alla grande quantità di mafiosi, corrotti e “fascistelli” che contano su quella estrema destra ignorante da stadio…per me i veri fascisti sono quelli che presero le distanze dal partito prima con l’assasinio di Matteotti e poi con le odiose leggi raziali e l’intromissione nel fascismo degl’ideali nazionalsocialisti.

      – Il secondo motivo per cui ho votato lo schieramento di sinistra è stata una mia ingenua idea di far perdere il blocco di destra causando quindi un cambiamento, una rivoluzione grande al suo interno…ma questo non è avvenuto per innumerevoli motivi, in primis l’immaturità della maggioranza dell’elettorato che non sa farsi sentire e che prende per oro colato tutto ciò che le viene detto…questo è valido sia per quello di destra che per quello di sinistra.

      Ci tengo tantissimo che questo vi sia chiaro quando parlate con me, perchè vorrei evitare i continui attacchi e generalizzazioni che mi vengono rivolte senza conoscermi, soprattutto per lo sforzo che ogni volta devo fare per essere ascoltato a causa dei pregiudizzi.
      Intendo lottare con tutti voi che per me siete concittadini.
      Di questi tempi bisogna unirsi per contrastare questo sistema politico che si è dimenticato dei cittadini, forte soprattutto del sistema bipolarista, la cui distruzione dovrebbe essere l’obbiettivo predominante delle prossime azioni congiunte per poter un giorno andare a votare orgogliosi e senza tapparsi il naso, perchè per un motivo o per l’altro lo facciamo tutti e chi non lo fa è perchè manca di spirito critico.

      Lasciami dire in fine che la sinistra italiana non mi sembra che si sia prodigata più di tanto nel frenare il suo oppositore, mi sembra piuttosto che si sia accontentata della sua fetta di torta, facendo anche di tanto in tanto qualche regalino al suo avversario…sono 20 anni che questo sistema è attivo, 20 anni sono tanti e in qualsiasi altro paese democratico con una vera opposizione non si sarebbe arrivati alla crisi soprattutto di valori che l’Italia sta vivendo. Non credo in nessun partito politico, nella maniera più assoluta non credo che i partiti di oggi possano cambiare la situazione, chi lo può fare sono i cittadini, per questo sono qui a scrivervi offrendovi il mio appoggio per lavorare insieme a un cambio, soprattutto alla luce del successo di domenica.
      Saluti,

      Gigi

      • I “fascisti veri”, come li chiami tu, sono quelli che hanno governato come partito unico in dittatura fino al 1943.Tutto il resto è revisione.
        Chi si è dissociato, a quei tempi, forse non era un “vero fascista”, era solo qualcuno che non aveva capito il progetto.
        Ma il revisionismo al momento è uno dei vostri impegni prioritari.
        La cosa più triste, in tutto questo, è che credete di uscirne puliti dichiarando di non appartenere al centrodestra, ma a una fantomatica destra ideologica (fascisti?). È un bel paradosso.
        Chi ha memoria o conoscenze storiche non cade in questo tranello. Non so se mi sono spiegato bene.

  • Allora, bellezze, voglio mettere fine a questa discussione senza fine e che sta prendendo pieghe francamente tristi ed evitabili. Io non discuto chi ha organizzato o chi non ha organizzato la manifestazione. Io discuto i modi con cui mi è stata chiesta la rettifica, da parte di Andrea e da parte di Luigi. Discuto i toni imperativi ed i modi dei verbi. Discuto il fascismo delle parole, discuto l’arroganza e la pretesa di chiedere “togli immediatamente” contenuto di un blog personale. che è un blog, cazzo, ricordatevelo sempre, sono post non sono articoli, è il MIO pensiero non il vostro. Vi invito ad aprirvi un blog, un giornale se volete visto che tanto vi piace l’idea, e scrivere quello che ve pare, sarò il primo a difenderlo.

    Discuto anche la finta apoliticità di andrea e luigi (io non difendo rajoy come prossimo presidente del consiglio ad un incontro premanifestazione, come non difendo questo federalismo e dico che Berlusconi non mi piace però tutto il resto sì. E, dopo queste frasi, non mi metto a difendere l’apoliticità dei toni perchè voi ne avete, noi ne abbiamo. Ma questi toni che vi commento devono essere sempre rispettosi degli altri, le parole sono importanti ed io andrea e luigi ho visto nelle vostre parole qualcosa che non mi piace, in come le utilizzate. Tutto il resto sono cazzate e sono ritorni alle occupazioni dei licei.

    Non entro nel merito dell’organizzazione dell’evento, delle canzoni, dei percorsi che non sono passati per l’istituto di cultura (sarebbe uscita una bella foto, no?), entro in merito dei torni e francamente quelli utilizzati per chiedere la rettifica non mi appartengono. Tutto il resto, in fin dei conti, non conta nulla, oramai che ognuno si è trincerato nelle sue posizioni. Doveva essere la manifestazione delle donne, che anche hanno partecipato in buon numero, e non un premio Goya spostato nella calle.

    Detto questo, buona giornata.

    • Vedo che non hai letto le mie sudate repliche, ma l’ascoltare non è da tutti…motivo per cui non torno ne a leggere ne ha scrivere su questo blog, poi adesso che leggo la ridicola correzione che hai fatto, buffone, non ne ho dubbi.

      Comunque io sono di destra non di “centro destra” e questo te l’ho scritto dal principio della mia richiesta per spiegarti perchè quelli che tu avevi elencato non sono gli unici organizzatori come dai ad’intendere…
      In ogni caso io NON HO MAI VOTATO IL CENTRO DESTRA IN VITA MIA, per i motivi che ho sopra spiegato.
      Ciao,

      Gianluigi M. Pieri

      • Viva l’apoliticità Gianluigi! E menomale che tutto è nato dallo specificare che il mio post non affermava l’apoliticità e l’apartiticità della manifestazione! Qua stiamo parlando di fascisti eri o falsi, di assassinio di Matteotti, del bipolarismo, di rose nel pugno, di questo di quello (scusami ma a me viene in mente questo video http://www.youtube.com/watch?v=VMPClDFSH7o ). Mi dispiace ma io resto convinto che al di là delle dichiarazioni di essere di destra ( e se hai votato solo una volta, bella destra, per Mussolini era reato non andare a votare per più di non m ricordo quante volte) sono i toni che contano. Ed è nei vostri toni che prende forza la mia piccola convinzione.

      • ho letto solo ora il buffone. Ti definisci solo Gianluigi andando in queste escandescenze. La correzione che ho fatto e che leggi solo ora, te che mi accusi di non leggere i tuoi di commenti (!), è solo la verità passata per il tono del blog, sai, funziona così. La mia correzione non dice cose vere? Non mi pare, le dice eccome. È solo che ascoltare la gente, le opinioni della gente, non fa mai piacere a chi è abituato a imporre. Ripeto l’invito: fatti un blog, o un giornale. E incontra un tuo stile, che possibilmente non ripeta le espressioni “io sono di DESTRA” o “Questo bipolarismo” ogni due per tre. Imparate a vivere, e a sorridere.

  • C’è solo una cosa che in tutta la discussione mi ha messo addosso una sorta di orticaria:

    APARTITICO = Estraneo ai partiti politici

    APOLITICO = Disinteressato, estraneo alla politica

    Definire la manifestazione del 13 qualcosa di “apolitico” è sintomo, prima di tutto, di scarsa conoscenza della lingua italiana. Una manifestazione non può essere, nella maniera più assoluta, apolitica. Può essere trasversale e/o apartitica, ma apolitica no. Soprattutto se la suddetta manifestazione critica la scena politica di un paese, da un lato o dall’altro. Capisco bene che ci sono persone che dopo essersi appisolate sul carro dei vincitori, ora devono affrettarsi a smacchiare i loro curricola politici nell’eventualità di elezioni anticipate… ma signori, un po’ di contegno!

  • Vi lascio con questa bella immagine da Facebook di una conversazione di Andrea Coppola sul suo muro. Sono rimasto veramente deluso non dal contenuto, che è sempre una opinione, ma dal tono utilizzato e dall’utilizzo della terza persona, come se Andrea non mi conoscesse e non ci fossimo stretti la mano diverse volte. L’immagine. Ripeto un’altra volta, per chi non volesse capire: sono i toni a fare la differenza, e l’utilizzo delle parole. Questa voglia di mettersi in mostra come una parte terza, non essendola, anche a discapito di un’amicizia, trattata in terza persona come se di uno sconosciuto si trattasse.

  • Ciao Lucio, seguo il tuo blog ed apprezzo il tuo stile (anche se sulle pentole avrei qualcosina da dire…).
    concordo con te sul fatto che si tratti di un blog personale e non di un giornale, mi sembra assurdo paragonare Berlusconi proprietario di innumerevoli mezzi di comunicazione e presidente del consiglio allo stesso tempo con te, giornalista free-lance e blogger, non so se apolitico o apartitico ma sicuramente libero da incarichi politici!!
    la cosa che più mi dispiace è che tanta polemica su destra, sinistra, partiti etc.. ha deviato il punto di vista dalla necessità che sta alla base della manifestazione, che è quella delle donne di dissociarsi da una immagine dell’italia che il “nostro” presidente sta rendendo manifesta.
    è un peccato che la polemica nasconda il fatto che il centro di madrid è stato per un’oretta scenario di un’azione di 250 persone che affermavano: noi rispettiamo le donne e ci dissociamo dal comportamento di berlusconi, che è proprio quello che invece è successo.

    • Sara, hai perfettamente ragione, ho anche sbagliato a rispondere così a lungo ma l’alternativa era non pubblicare molti commenti, cosa che non mi piace.
      Per quanto riguarda le pentole 🙂 era una mia opinione, discutibilissima, ma frutto di una riflessione entrando per un attimo nelle vesti di chi guardava, confermata trall’altro da varia gente. Ma l’importante è il risultato, che è stato meraviglioso. Buona giornata!

  • Scusa Gianluigi ma credo che ci sia un frainteso: la manifestazione in Italia è stata indetta da un coordinamento di donne e da una corrente della magistratura. Tra l’altro il primo si è costituito come organizzazione e proporrà un ‘altra giornata di protesta.
    A questo appello hanno aderito praticamente tutti i partiti della sinistra, organizzazioni di vari colori, associazioni ed altro…in genere tutti quelli che vogliono che Berlusconi vada a casa tranne i partiti che fino a ieri sostenevano il primo ministro.
    Tu hai aderito a quella manifestazione e non hai convocato nulla. Se pensi di aver portato le 200 persone in piazza col tuo annuncio su Italianiamadrid, ti sbagli di grosso, tra l’altro quelli del blog ti hanno anche dato contro. Non so se la cosa ti piaccia ma a Madrid, si muove il PD, Sinistra Ecologia e Libertà, l’Anpi che avevano appoggiato il concentramento.
    In Italia, non so se ci hai fatto caso, quelli che hanno sempre combattuto il premier sono di sinistra e purtroppo sono ancora una minoranza.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *